Aura-Soma: la terapia esoterica del colore

Questo articolo è stato scritto nel marzo del 1997, a poco più di dodici anni della nascita del sistema Aura-Soma. E' stato pubblicato su due magazine nazionali.
La riproduzione totale o parziale del testo è consentita previa citazione delle fonti (Osho Circle School) e dell'autore

AURA-SOMA: LA TERAPIA ESOTERICA DEL COLORE

Luce, colore, erbe, proprietà dei cristalli per trattare corpo fisico e aura

di Arshad Moscogiuri

 
C'è un popolo dell'arcobaleno che si muove sui sentieri della New Age; porta con se' luce, colore, guarigione. Nelle loro case, sui loro comodini, nelle valigie e attorno a loro, dei brillanti gioielli di luce e colore chiusi in bottiglietta. Il cammino è nato dodici anni fa a Londra; una donna straordinaria, Vicky Wall, settima figlia di un settimo figlio, farmacista e cabalista come il padre, già da bambina possedeva una seconda vista che le permetteva di vedere l'aura delle persone, ovvero il corpo di luce, di energia, che circonda il nostro corpo fisico. Aveva una profonda fede in Dio, nell'Esistenza, e un cammino da guaritrice sul quale proprio il padre cominciò ad iniziarla, passandole le sue conoscenze di erboristeria e sulle proprietà esoteriche e curative dei cristalli. Nel 1984 Vicky era ormai cieca da cinque anni: il suo corpo era sempre stato fragile, e le continue emorragie agli occhi, procurate dal forte diabete, l'avevano privata della vista esteriore, ma non sicuramente delle capacità visive interiori. Una notte, in uno stato particolare di meditazione, canalizzò le ricette per creare quelli che sarebbero diventati gli Aura Soma, che sintetizzano le conoscenze e gli spazi di apertura spirituale toccati dalla Wall nella sua vita, conclusasi nel 1991. Per prime, Vicky Wall creò le bottiglie dei Balance (equilibrio): nelle boccette di cristallo trasparente, degli oli dai colori bellissimi galleggiano su uno strato acquoso delle erbe che vi sono state impiegate; l'effetto è affascinante, i profumi accattivanti, leggiadri. Il liquido contiene erbe, estratti di fiori, e le vibrazioni di gemme e cristalli; tutti gli ingredienti sono naturali, non vengono impiegati conservanti di alcun genere. L'acqua stessa è acqua magnetizzata, che proviene dalla sorgente del Gral, a Glastonbury. Ma quando la Wall, guidata dalla sua intuizione superiore, creò i Balance, non sapeva ancora quali sarebbero stati i loro usi. Una volta che scopo e funzione le furono chiari, iniziò a farli sperimentare, curando poi i resoconti delle persone che avevano iniziato ad usarli.

Ne scoprì così l'effetto curativo profondo: scuotendo la bottiglia, si causava un'emulsione temporanea dei liquidi in sospensione, e applicando qualche goccia del contenuto sul corpo nelle zone corrispondenti ai chakra, si ottenevano rilevanti benefici. Ne comprese poi anche le qualità diagnostiche, date dall'interazione dei liquidi sospesi in Balance con il suo possessore ed interpretandole. Una diagnosi ed una cura, quella dei Balance, che non si limitava al corpo fisico, ma che delineava chiaramente un raggio di azione olistico, che comprendesse corpo-mente-spirito, Aura-Soma: l'Aura, il nostro corpo di luce e colore, e il Soma, il nostro corpo fisico. Più tardi, Vicky Wall creò le Pomanders e le Quintessenze, specifiche nel trattamento dell'aura; a differenza dei Balance, il liquido contenuto in queste boccette, che non sono di vetro, non è diviso in sospensione tra parte oleosa e parte acquosa, bensì è un'emulsione. Pomanders e Quintessenze non vengono usate direttamente sul corpo, ma distribuite nel campo elettromagnetico della persona, appunto sull'aura. Nasceva così una vera e propria terapia olistica del colore, la più giovane sicuramente tra tutte le cromo-terapie, i cui inizi a noi noti risalgono ai tempi dell'antico Egitto e della Cina, ma le cui radici si ritrovano in tutte le grandi culture esoteriche. La più giovane, ma forse anche la più completa terapia relata al colore: riguarda il corpo fisico e tutti i corpi dell'aura, porta con se' le proprietà della luce, del colore, o delle Acque di Luce come le definisce la stessa Wall; vi aggiunge quelle vibrazionali dei cristalli e delle gemme e quelle delle erbe. Una perfetta terapia New Age: non intrusiva, guaritiva e di diagnosi, nonché auto-selettiva: in un reading (una lettura) con un terapista Aura-Soma sei tu che, lasciato davanti ad un arcobaleno di Balance colorati e ben illuminati, scegli le tue quattro bottiglie; i colori che scegli possono evidenziare la tua situazione di equilibrio, di salute, di armonia. Possono rivelare un eccesso in un'area o una carenza in un'altra corrispondenti alle vibrazioni cromatiche scelte, e ti viene consigliato quale olio applicare sul corpo. "Vi sono in tutto 95 bottigliette di Aura Soma; sette di queste, che rappresentano i chakra, possono essere usate senza alcuna consulenza, ma solo applicandole ai chakra del colore corrispondente. Cinque sono invece state create per supportare le diverse fasi della crescita del bambino. Ci sono tre Rescue (salvataggio), uno fisico, uno eterico e uno per il bambino, più quattordici essenze (Pomander) e quattordici Quintessenze. Tutti i prodotti Aura Soma vengono dall'Inghilterra, dove Mike e Claudia Booth continuano a prepararli, come aveva chiesto loro Vicky prima di morire." Di Aura Soma ce ne parla Galaadriel Flammini, consulente e unica insegnante italiana, responsabile, assieme a Robert Hasinger, di Aura-Soma Italia. "L'Aura-Soma è oggi diffusa in tutto il mondo, particolarmente in Sudafrica, Australia, Germania, Stati Uniti e ovviamente in Inghilterra, dove è nata. Nel mondo la usano circa due milioni di persone, ed esistono centinaia di insegnanti qualificati a diversi livelli, più migliaia di consulenti rigorosamente preparati: in Italia ce ne sono circa una trentina, e 150 sono gli studenti. La prassi di come accedere all'uso dei prodotti è sempre ed ovunque la stessa, laddove esistono degli insegnanti o dei consulenti: si riceve la consulenza (reading), dove si scelgono le quattro bottiglie di Balance. Queste vengono interpretate dal consulente e poi consigliate all'uso per il trattamento delle tematiche emerse." I terapisti di Aura Soma ricevono una preparazione in un corso di base, dopo la quale sono in grado di dare consulenze per i reading. C'è quindi un corso intermedio, nel quale si spazia dall'interpretazione simbolica e spirituale del colore alla connessioni di Aura-Soma con la numerologia, l'omeopatia, la visione buddhista della reincarnazione. Il terzo training, il corso avanzato, si addentra nelle interazioni tra l'Aura Soma e la Cabala, l'albero della vita al quale queste bottiglie magicamente colorate sono connesse fin da quando sono nate. Dopo questo corso avanzato, è previsto un completamento della formazione con nozioni di anatomia e di fisiologia, per conseguire una sorta di "dottorato" che riconosce la qualifica di consulente speciale di Aura Soma, una qualifica questa che è in attesa di un riconoscimento da parte dell'Unesco.


Ma il supporto delle Aura-Soma, il loro campo di azione, va anche oltre; probabilmente, ognuno vi scoprirà quello, o quelli, più adatti a se', ai differenti momenti della propria vita; per mia esperienza personale, trovo che questi tesori in bottiglia che coinvolgono tutti i nostri sensi, dal tatto alla vista, dall'olfatto fino alle più sottili capacità percettive, siano eccellenti amici anche nella meditazione, così come nel lavoro sciamanico, e che molti altri aspetti attendono forse solo di essere scoperti. In Inghilterra, tra l'altro, la produzione di nuovi Aura-Soma è ancora attiva, il campo della ricerca ancora aperto.

Da poco tempo è stato tradotto anche in Italiano il libro della veggente Vicky Wall, creatrice di Aura Soma, dal titolo "Guarire con i colori - Aura Soma", Edizioni Mediterranee, guida indispensabile all'uso e alla comprensione di Balance, Pomander e Quintessenze, nonché unico testo che narri come sia nata questa luminosa terapia della nuova era.